Mercoledì 20 Settembre 2017
 


Tecnologie di conversione energetica delle biomasse agroforestali

Le biomasse agroforestali sono impiegate principalmente e in modo molto consolidato per la produzione di energia termica. Sono inoltre disponibili
sul mercato soluzioni tecnologiche affidabili sia per il raff rescamento sia per la minicogenerazione applicabili al settore delle colture protette.


Le moderne caldaie automatiche

Le caldaie automatiche appartengono alla tecnica di combustione cosiddetta a griglia, nell’ambito di questo raggruppamento si distinguono diversi tipi
di focolare che sono ottimizzati per l’impiego di specifici biocombustibili.  Ulteriori varianti sviluppate sono la griglia rotativa, a ribaltamento
e a rullo. Questi sviluppi mirano ad ottenere lo scuotimento del letto di braci e così un miglioramento del processo di combustione nella sua fase
fi nale e di rimozione delle ceneri dalla griglia. Tali dispositivi sono particolarmente effi caci quando si impiegano combustibili con elevato contenuto
§in cenere e basso punto di fusione delle stesse (scorie), come ad esempio cippato, pellet e/o cialde da potature agricole, sansa. Il mercato richiede
in modo crescente questo tipo di caldaie.

 


Caldaie a griglia fissa

Il focolare fisso  è adatto all’impiego di biomasse solide a basso contenuto idrico (M<35%) e con basso contenuto in cenere (A<3%).Un agitatore
meccanico  favorisce l’evacuazione delle ceneri che cadono in un cassetto posto al di sotto della griglia oppure, nel caso di impiego di combustibili
più ricchi di cenere, possono essere estratte con una coclea che le trasporta in un apposito contenitore.



Caldaie a griglia mobile

 Sono generatori di potenza medio-grande da ca. 100 kW fi no ad alcuni MW, impiegati sia nel residenziale sia nel settore industriale. La griglia è composta
di elementi mobili (piatti, scalini) che favoriscono l’avanzamento della biomassa lungo un piano più o meno inclinato. Il focolare mobile è adatto all’impiego
di biomasse solide umide (M 40-50%) e con elevato contenuto di cenere (A >3%). Un altro tipo di focolare adatto all’uso di biomasse agricole è rappresentato
dal modello “a catenaria” caratterizzato da raschiatori collocati lungo una catena con la funzione di rimozione delle ceneri e di eventuali scorie di fusione
dalla griglia piana. La griglia può essere dotata di un sistema di raffreddamento ad acqua per minimizzare i fenomeni di fusione delle ceneri che disturbano
il processo di combustione e possono compromettere la vita utile dei materiali costruttivi, in particolare del refrattario



Silo di stoccaggio, estrattori, dimensionamento

Il silo di stoccaggio della biomassa rappresenta una componente determinante per la corretta funzionalità dell’impianto. È molto importante, prima di progettare
il silo di stoccaggio, incontrare i possibili fornitori e verificare i tipi di mezzi di trasporto di cui essi dispongono (volume del carico, tipo di scarico). In presenza
di un fornitore professionale è raccomandabile stipulare un contratto di fornitura fissando le caratteristiche qualitative, le modalità di consegna e di calcolo
del prezzo. Indicativamente il deposito della biomassa deve essere dimensionato in modo che, dopo ca. 15 giorni di funzionamento, si formi nel silo
un volume vuoto tale da poter essere riempito con un nuovo carico di cippato. Il calcolo quindi va fatto sulla base del volume del mezzo di trasporto
con cui sarà consegnata la biomassa. La capacità di trasporto dei carri agricoli ribaltabili può variare da 10 a 30 m3, quella dei container da 25 a 70 m3,
mentre i cassoni con piano mobile arrivano a traspostare fino a 90 m3. Il deposito deve essere localizzato il più possibile vicino alla centrale termica.
La soluzione più comoda prevede un silo sotterraneo adiacente con carico della biomassa dall’alto. Nelle soluzioni più economiche il silo di stoccaggio
è ricavato sfruttando un volume tecnico preesistente oppure realizzato fuori terra con un sistema di carico meccanico o pneumatico, a seconda
del tipo di biomassa utilizzata . Sono inoltre disponibili sul mercato centrali termiche preassemblate su container, allacciabili in poche ore.

(Fonte: ENAMA - Progetto biomasse)

CT Pasqualicchio, il caldo ecologico
www.ctpasqualicchio.it

 

Condividi su:

Mappa del sito      Newsletter     F.a.q.    Nota Privacy   Contatti

Seguici su:
CT Pasqualicchio su Facebook   CT Pasqualicchio su LinkedIn   CT Pasqualicchio su Twitter   CT Pasqualicchio su YouTube  

Vai in alto

In questo sito utilizziamo i cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.

EU Cookie Directive Module Information